Gli aperitivi raddoppiano il rischio di tumore al pancreas

aperitivi e tumore al pancreas.jpg

 

Attenzione agli aperitivi. Bastano due soft drink (bevande analcoliche zuccherate) per raddoppiare la vulnerabilità al cancro al pancreas.

L’ allarme arriva da una ricerca della University of Minnesota, diretta dal professor Mark Pereira e pubblicata da “Cancer Epidemiology, Biomarkers and Prevention”.

Il professore e la sua squadra hanno preso in esame 60.524 soggetti, uomini e donne, tutti inclusi nel Singapore Chinese Health Study, per 14 anni.
Durante l’osservazione 140 persone hanno sviluppato cancro al pancreas. Studiando tali casi, i ricercatori hanno notato come coloro che hanno consumato due o più’ bevande analcoliche a settimana (una media di cinque a settimana) avevano un rischio aumentato dell’87% rispetto ai soggetti che non le bevevano.

Diversamente, nessun pericolo per gli amanti dei succhi di frutta.

Secondo il professor Pereira, le bevande in questione (zuccherate e gasate) favoriscono il tumore al pancreas a causa della loro composizione: “Gli alti livelli di zucchero nelle bevande analcoliche aumentano il livello di insulina nel corpo, che riteniamo contribuisca alla crescita delle cellule tumorali nel pancreas”.

Non completamente convinta di tali conclusioni la dottoressa Susan Mayne, direttore associato della Yale Cancer Center e professoressa di epidemiologia presso la Yale School of Public Health.

Secondo la Mayne, la ricerca pone interrogativi interessanti, ma non dà risultati definitivi: “Sebbene da questo studio sia emerso un rischio, la conclusione e’ basata su un numero relativamente limitato di casi e non e’ chiaro se sia un nesso causale o meno. Il consumo di bevande analcoliche a Singapore e’ stato associato a numerosi altri comportamenti nocivi per la salute come il fumo e l’assunzione di carne rossa, che non possiamo controllare altrettanto accuratamente”.

Gli aperitivi raddoppiano il rischio di tumore al pancreasultima modifica: 2010-02-13T15:00:00+01:00da tamy_dolceamara
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento