Russare di notte? Più a rischio di ictus e incidenti stradali…

russare di notte.jpg

Russare, oltre a rendere impossibile il sonno di chi dorme accanto, fa aumentare di quattro volte il rischio di andare incontro a un ictus, ed è responsabile di almeno un quinto degli incidenti stradali. A dirlo sono gli esperti pneumologi ospedalieri (Aipo), riuniti da oggi a Milano nel loro congresso nazionale, e che lanciano un appello:«Dobbiamo fare di più, anche perché solo il 3% dei casi di apnea notturna è diagnosticato». Secondo gli specialisti, «un incidente automobilistico su cinque è dovuto ai disturbi respiratori del sonno.

La sonnolenza diurna è infatti una delle conseguenze principali della sindrome dell’apnea ostruttiva, patologia con costi socio-sanitari rilevanti e che in Italia colpisce oltre 1,6 milioni di persone. In chi russa il rischio di ictus aumenta di 4 volte, quello di ipertensione arteriosa di 2,5 e quello di diabete raddoppia». «La prevalenza di questa malattia – sottolinea Giuseppe Insalaco, responsabile dell’area fisiopatologica dell’Aipo – sta aumentando in parallelo con l’epidemia di obesità che si sta diffondendo nei Paesi occidentali, colpendo molto spesso persone in età lavorativa, che tendono a sviluppare ipertensione, diabete, deficit neurocognitivi e complicanze cardiovascolari come angina, infarto o ictus».

La diagnosi avviene attraverso una valutazione strumentale durante il sonno, la cosiddetta polisonnografia. In Italia, dicono gli esperti, vi sono però solo 160 strutture pneumologiche in grado di diagnosticare e trattare correttamente questa patologia: ognuna dovrebbe seguire 10.000 pazienti, senza contare che, secondo un’indagine condotta in Toscana, «sono necessari 60 giorni per accedere alla prima visita e 300 per iniziare il trattamento». Eppure, vincere il problema è semplice, conclude Antonio Corrado, presidente nazionale Aipo:«Il trattamento prevede l’uso di una maschera nasale o facciale che, applicata durante il sonno, consente di normalizzare la respirazione e dormire meglio. Ovviamente, si deve porre attenzione anche al controllo del peso corporeo, evitare il fumo e l’assunzione di alcool prima di andare a letto».

 

Russare di notte? Più a rischio di ictus e incidenti stradali…ultima modifica: 2009-12-12T19:30:00+01:00da tamy_dolceamara
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento