Propoli

propoli.jpg

 

Assai diffuse nel regno vegetale sono alcune sostanze chimiche che vengono chiamate Flavonoidi. I Flavonoidi sono polifenoli presenti soprattutto nei frutti (mele, agrumi) che vengono prodotti dalla pianta in particolari quantità nel periodo autunnale, per la protezione delle gemme e degli apici vegetativi, e sono incorporati in una sostanza ceroide-resinosa, che costituisce un mantello protettivo invernale contro gli attacchi parassitari.

Le api raccolgono questa sostanza ceroide-resinosa e, dopo opportuna elaborazione, la utilizzano nell’alveare come fattore della propria salute e di quella delle larve.

Da qui il nome PROPOLI, dal greco PRO-POLIS= a difesa della città, cioè dell’alveare.

Proprietà

Sono prevalentemente riconducibili alla proprietà della componente in flavonoidi e solo in parte agli altri componenti.

Tra le più importanti segnaliamo:

– Aiutano a mantenere la normale integrità dei capillari.

– Aiutano nella terapia della funzione capillare alterata
  (fragilità capillare, diminuita resistenza dei capillari alle infezioni, ecc.)

– Sono sinergici con la vitamina C.

– Agiscono come risparmianti della vitamina C.

– Sono strettamente in relazione con l’attività corticosurrenale.

– Inibiscono la jaluronidasi.

– Hanno un effetto antistaminico.

– Inibiscono l’ossidazione dell’adrenalina.

– Agiscono in sintesi enzimatiche nel metabolismo cellulare.

Indicazioni

– Aumentata fragilità capillare.

– Diminuita resistenza alle infezioni micotiche, batteriche, virali.

– In caso di lesioni traumatiche (ferite, fratture… ) ed ustioni.

– Ove occorra attivare la peristalsi intestinale.

– Come anestetizzante (a protezione del dolore).

– Prevenzione delle lesioni atletiche.

– Affaticamento muscolare.

Posologia

Da 4 a 8 mg al giorno.

 

Propoliultima modifica: 2009-09-05T10:00:00+02:00da tamy_dolceamara
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento